SEF Magazine portale equestrevedi tutte le news »

Riflessioni e proposte dal DES: un importante incontro didattico

- Elisa Govoni

Martedi' 12 maggio 2015 si è svolto, ospiti del Dipartimento di Equitazione Sostenibile della SEF ITALIA  e di Vincenzo Bucci,  presso l'Azienda Agricola Emanuele Radice di Bulgarograsso, un incontro didattico con gli studenti del quinto anno della Facolta' di Medicina Veterinaria dell'Universita' di Milano ,  accompagnati dalla Prof.ssa Michela Minero, ricercatrice che si occupa di comportamento e benessere del cavallo e docente del Corso di "Scienze Comportamentali Applicate".

La Prof.ssa Minero, in collaborazione con Vincenzo Bucci, ha tenuto  ai propri allievi una lezione pratica sulla gestione in sicurezza della visita veterinaria ad un cavallo con particolare attenzione al trattamento di puledri e di cavalli con fobie o difese.

Piacevole e calorosa l'accoglienza da parte dei proprietari del maneggio e di alcuni allievi-clienti che hanno voluto assistere all'incontro , vista la "solennita' " e l'importanza dell'evento.

In tutto questo il filo conduttore è stata la realizzazione di una buona comunicazione tra il veterinario ed il cavallo.

Se da una parte sono stati stigmatizzati comportamenti piuttosto sbrigativi e impattanti nel contenimento del  cavallo anche in vista di successivi maneggiamenti da parte dell'uomo, dall'altra si sono passati in rassegna accorgimenti tecnici atti a tenere in sicurezza il veterinario durante la visita, contenendo in modo etico ed etologico l'animale  e sfruttando la sua capacita' di apprendimento rapido a condizione che siano chiari da parte degli operatori le dinamiche e le modalita' di apprendimento dell'animale.

Primo passo essenziale è quello di avere un "paziente" tranquillo e sereno , fiducioso nei confronti di chi lo circonda.

Grande importanza è stata data alla figura della persona addetta a  tenere  il cavallo durante la visita ( proprietario o groom che sia ) spiegando ai futuri veterinari le richieste circostanziate da fare al conduttore  per agevolare la buona riuscita della visita veterinaria in sicurezza.

Un piacevole stupore ha destato la disponibilita' e meneggevolezza di un puledro di poco meno di un anno presente in azienda ed utilizzato come "paziente".

"Pallino", cosi' si chiama il puledro Appaloosa in questione, aveva ricevuto precedentemente un adeguato imprinting e successivo addestramento al governo della mano secondo le logiche del DES.

"E' sempre consigliabile" , dice la prof.ssa Minero,"non demandare al momento della doma del puledro l'insegnamento di  quelle manualita' che ne permettono una sicura gestione".

Essere toccato su tutto il corpo, restare legato tranquillamente, dare gli arti, imparare ad ingerire il vermifugo , farsi vaccinare devono essere pratiche usuali e accettate con serenita' dal cavallo.

Tutto cio' non solo è importante per un'emergenza , ma anche per  la gestione sanitaria della  routine;

questo ,pero', va insegnato al cavallo con metodo , professionalita' e profonda conoscenza della percezione che il cavallo ha di noi e dell'ambiente che lo circonda , evitando ogni forma di disagio.

Dal dibattito che è scaturito a seguito di questa intensa mattinata di lavoro, è emersa inequivocabilmente, un'assonanza di vedute e di linguaggio tra cio' che propone il mondo della Scienza e della Ricerca , nella circostanza rappresentati dalla Prof.ssa Minero, e gli obiettivi che si propone il DES : praticare un'equitazione eticamente sostenibile ed etologicamente compatibile nel rispetto del cavallo.

Un grande e commosso ringraziamento da parte di tutti alla Prof.ssa Minero che ci ha resi partecipi di questa sua iniziativa ed un arrivederci all'anno prossimo.

Vincenzo Bucci

tel.cell.: 3397804674

mail : bucci.cde@gmail.com

Un elemento vitale

- Federica Galbiati

Nella cura degli animali, l'attenzione ad una corretta alimentazione occupa un posto fondamentale: se vogliamo che il nostro cavallo possa vivere bene e, a maggior ragione se vogliamo svolgere con lui l'attività equestre, è necessario fornirgli la giusta base alimentare, che comprenda tutti gli elementi richiesti al suo sviluppo.

Carboidrati, proteine, sali minerali, vitamine e quant'altro certo, ma senza dimenticarci di un elemento ancora più fondamentale, necessario alla vita stessa: l'acqua. Nel caso del cavallo ne servono ingenti quantità, che si aggirano intorno ai 30/40 litri al giorno a riposo ma che aumentano nel momento del lavoro, quando cresce la traspirazione, o che diminuiscono con una dieta più “verde”.

É necessario che l'acqua sia prima di tutto pulita, sempre a disposizione del cavallo e per quanto possibile a sua immediata disposizione. In questo saremmo facilitati dagli erogatori automatici che si trovano in alcune scuderie, mentre bisognerà prestazione più attenzione nei luoghi in cui non sono installati, calcolando che la dose sia regolare e nelle giuste quantità.

Anche l'ordine di somministrazione degli alimenti non può essere casuale: dal più digeribile a quello invece più pesante, che si traduce nel far abbeverare il cavallo prima di alimentarlo con fieno o avena, per esempio, che altrimenti si inzupperebbero e diventerebbero più indigesti.

Quindi un buon istruttore deve avere anche conoscenze in campo alimentare, in modo da chiedere al cavallo solo ciò che effettivamente può dare, in relazione al suo peso e metabolismo: piccole attenzioni ma che spesso risultano vitali!

Il Turismo Equestre a Cabiate

- Federica Galbiati

 

La strada del Turismo Equestre è tra le più apprezzate e richieste dagli allievi SEF-Italia e proprio per questo motivo molti sono anche i centri nostri affiliati che si propongono per ospitare corsi a tutti e tre i livelli del settore dell'Equiturismo: dall'OTB, in cui si indirizzano già i corsisti fornendo le basi della disciplina, al primo livello di Accompagnatore, fino ad arrivare al secondo livello e quindi al titolo di “Guida di Turismo Equestre”.

Proprio per chi fosse interessato a diventare Istruttore di primo livello, proponiamo il corso che si terrà presso il centro “Ipporonco ASD” di Cabiate (CO) nei giorni 13, 14, 20, 21 Giugno. I corsi di 1° livello hanno infatti durata quattro giorni e vengono spesso suddivisi in due fasi che si svolgono durante i fine settimana, al fine di agevolare gli iscritti.

Il turismo equestre negli ultimi anni ha accolto i favori di un pubblico sempre più crescente, soprattutto di coloro che vogliono concedersi una giornata immersi nella natura e godere dei bei scorci che offrono i paesaggi di tutte le nostre regioni. Ecco perchè è considerevole la richiesta di figure esperte dell'Equiturismo da parte delle strutture che se ne occupano, che vogliono poter fare affidamento su personale che abbia acquisito le conoscenze di base di ippotecnia così come del codice della strada e di tutte le informazioni necessarie per svolgere in completa sicurezza una passeggiata; vogliono contare su qualcuno, insomma, che abbia a cuore la soddisfazione dei turisti ed il benessere dei cavalli.

Sarà Doriano Magnani il direttore del corso, proprietario del centro e tra i più qualificati tecnici SEF-Italia, Guida di Turismo Equstre dall'anno 2011. La struttura dell' “Ipporonco” è invece dotata di ampi campi esterni e coperti, di un'adeguata aula dove si svolgeranno le lezioni teoriche, in modo da fornire ai corsisti tutto ciò che occorre per apprendere al meglio.

Le iscrizioni per il corso di “Accompagnatore di Turismo Equestre” si chiuderanno il 10 Giugno; di seguito il link a cui troverete programma e il modulo per iscriversi:

 

CORSO PER ACCOMPAGNATORE DI TURISMO EQUESTRE

III tappa del Campionato Tirreno di Agility Horse 2015

- SEF

 

Nella vita per capire bene una cosa bisogna viverla, dovremmo imparare a valutare in modo più autonomo ciò che ci circonda e bisognerebbe ricordare sempre che confrontarsi è l’unico modo per crescere. Noi abbiamo lavorato tanto per crescere insieme e vedere il gruppo di lavoro e lo spirito di squadra che si è creato e che ruota attorno al Campionato del Tirreno di Agility Horse. E' un’occasione unica. Si perché siamo una squadra vera, Presidente, Giudici, Istruttori e tutti i ragazzi che vi prendono parte, cresciamo tappa dopo tappa, saluto dopo saluto. La terza Tappa del Campionato del Tirreno di Agility Horse si è realizzata con un momento di comunione tra generazioni diverse che, in una splendida cornice presso il Centro Equestre F.M. Team Horse a Pontecagnano (SA), hanno dato vita alle diverse categorie. La serenità e la complicità che si respira hanno fatto di questa giornata un momento indimenticabile e ad arricchirla ha contribuito la partecipazione di ben 100 binomi, ma i numeri non sono tutto e ricordate che l’unico modo per fugare ulteriori dubbi e non avere rimpianti è partecipare alla prossima tappa. Il mio saluto da Giudice va a tutti voi.

 

Mariassunta Basile

Giudice di Agility Sef Italia

Corso di Operatore Tecnico di Base di Equitazione Agrodidattica

- Ilaria Zanoli

Cari Amici SEF,

Siamo lieti di comunicarvi che sono ancora aperte le iscrizioni per il Corso di Operatore Tecnico di Base di Equitazione Agrodidattica organizzato dal nostro Centro SEF La Delfina ASD di Nizza Monferrato (AT) - Strada San Vitale 6. La durata sarà di 3 giorni: 5-6-7 Giugno 2015.

Lo scopo del Corso di Operatore Tecnico di Base di Equitazione Agrodidattica è di dare ai candidati una guida sicura in tema di tecnica equestre elementare di base e didattica “ludico ricreativa” di pratica professionale nel settore specifico, per poter affiancare un tecnico di 1° livello o superiore, nelle Aziende Agricole, Agriturismi e Centri Ippici e ottenere, eventuali, crediti formativi per le scuole di secondo grado.

I requisiti per essere ammessi al Corso sono: età minima 16 anni, essere cavalieri esperti, essere in possesso della patente C SEF Italia e avere un'ottima conoscenza ed attitudine alle tre andature.

 

Le iscrizioni dovranno pervenire entro il 2/06/2015 tramite la procedura on-line al seguente link!

 

Per maggiori informazioni potete contattarci allo 02 6687094 o scriverci a equitazione@sef-italia.it