Il cavallo annega dall’ano?

Pubblicato il Pubblicato in News

Circola la leggenda, anche tra gente di cavalli seria ed esperta, che il cavallo dopo una permanenza relativamente breve in acqua possa imbarcare acqua dall’ano e quindi annegare… Risatona

Verosimlaughinhorse-98ee714dilmente c’é un apparente fondo di verità, perché effettivamente quando si recupera un equide annegato, può fuoriuscire un fiotto d’acqua dall’intestino!

I veterinari ci chiariscono subito le idee in merito: si confonde semplicemente l’effetto con la causa. Il cavallo nuota ma non è un grande nuotatore poiché la fisiologia non lo favorisce, avendo i polmoni sotto al livello dell’acqua per lui nuotare è una fatica; ad ogni movimento inspiratorio deve vincere la pressione idrostatica. Benché sia in grado di nuotare anche per tratti importanti, alla lunga questa attività lo stanca molto e può effettivamenete annegare. Può annegare anche per altre cause, se si trova in acqua per le cause più varie: frane, alluvioni, moto ondoso, etc.

Si narra che gli antichi per favorire il galleggiamento degli equidi legassero delle vesciche piene d’aria con delle cinghie fatte passare sotto alla pancia.

Ad ogni buon conto, se il cavallo disgraziatamente annega, questo avviene mediante ingresso di acqua nei polmoni attraverso le vie respiratorie, ovvero dal naso. Una volta morto, tutti gli sfinteri, compreso quello anale, si rilasciano e a quel punto l’acqua può penetrare nell’intestino.

Ma occorre che l’animale sia ben morto affinché ciò avvenga!

Rispondi