News

Due Aiuti Naturali: L’azione Delle Mani e Delle Gambe

andature_1-5c3ae8c6

Gli aiuti sono i mezzi di cui dispone il cavaliere per far compiere al cavallo le azioni da lui volute e cioè: far avanzare il cavallo; mantenerlo in movimento; aumentare o arrestare il movimento; diminuire il movimento; cambiare la direzione del movimento.

Vi sono aiuti propri del cavaliere denominati “aiuti naturali o principali”, come l’azione delle mani e delle gambe.

Le azioni delle mani del cavaliere si trasmettono per mezzo delle redini, alla bocca del cavallo e consentono di fermare, trattenere e indietreggiare.

Le mani devono avere la qualità dell’immobilità e fermezza indispensabile per stabilire un contatto costante. Per contatto si intende la capacità del cavaliere di stabilire una linea retta della bocca del cavallo-redini-mano senza lasciare il cavallo nel vuoto o effettuando eccessive trazioni.

Per agire con le gambe occorre sempre coordinare l’azione di tutta l’inforcatura:

  • per far avanzare il cavallo occorre aumentare la pressione dell’inforcatura sulla sella e serrare le gambe sul costato del cavallo dietro la regione delle cinghie del sottopancia. E’ importante ricordare che il cavallo risponde alle pressioni e non al “tamburellamento” che in equitazione di base non fa altro che confondere il cavallo senza ottenere il risultato desiderato.

  • Per girare anche l’azione delle gambe come quella delle mani è asimmetrica. La gamba interna del cavaliere deve agire nella regione delle cinghie, mentre la gamba esterna deve agire dietro il sottopancia per contenere l’eventuale sbandamento del posteriore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *