La preparazione psicologica del cavaliere: il Training Autogeno

Pubblicato il Pubblicato in News

Per migliorare la performance psico-fisica è spesso utilizzata in molti sport la tecnica del “Training Autogeno”, che letteralmente significa ”allenamento che si genera da se’”.  Consiste in una tecnica di rilassamento usata in ambito sportivo e in tutte quelle situazioni che richiedono il raggiungimento di un alto livello di concentrazione e tranquillità, che sono  a maggior ragione molto importanti quando non si utilizza un attrezzo, ma bensì  un “animale nobile” come il cavallo, particolarmente empatico. I sei esercizi standard per indurre calma e rilassamento sono i seguenti: L’ ecavallo_liberta-adf2b318sercizio della  Pesantezza;  Il soggetto deve cioe’ immaginare che il proprio corpo diventi progressivamente pesante, molto utile per superare problemi legati alla tensione muscolare. L’esercizio del Calore; come per la pesantezza, il soggetto deve immaginare che il proprio corpo diventi mano a mano caldo, aiuta a riscaldare i muscoli e ad alleviare problemi circolatori. L’esercizio del Cuore; In questa fase del training il soggetto deve ripetersi mentalmente la formula “il mio cuore batte calmo e regolare”, questo permette di mettersi in contatto con il proprio ritmo di vita. L’esercizio del Respiro; l’atleta si ripete la formula “il mio respiro è calmo e regolare”, produce una migliore ossigenazione del sangue e degli organi. L’esercizio del  Plesso Solare; questa è una struttura nervosa situata sotto il diaframma, che con la ripetizione della formula il mio plesso solare èpiacevolmente caldo” aiuta soprattutto a migliorare la digestione. L’esercizio della fronte Fresca; l’ultimo esercizio, prevede la ripetizione di “la mia fronte è piacevolmente fresca” questo produce una vasocostrizione celebrale, molto utile per ridurre il carico emozionale. Questi sei esercizi devono essere eseguiti nell’ordine dato, in ogni caso, se si desidera ottenere dei risultati con questa tecnica è comunque consigliato evitare il “Fai da Te”, rivolgendosi quindi a professionisti.

Rispondi