Conosciamo il Cleveland Bay

Pubblicato il Pubblicato in Razze

Fino alla seconda metà del XVIII secolo il Cleveland Bay era il tipico cavallo dei venditori ambulanti; poi, nel periodo successivo, grazie all’apporto di sangue arabo e di quello del purosangue inglese, divenne il classico ed elegante cavallo da carclevelandbay1-8d9c74d4rozza. Ebbe perfino il compito di trainare quelle reali! Con la progressiva scomparsa  di un tal mezzo di trasporto, anche il Cleveland Bay ha corso il rischio di estinguersi. Furono i contadini  del nord dell’Inghilterra ad accorgersi delle sue notevoli attitudini per il lavoro nei campi e quindi ad allevarlo con questo scopo: la sua fama varcò le frontiere e la sua sopravvivenza fu così assicurata. Caratteristiche peculiari della razza sono:  un’altezza variabile da 1,75 m a 1,70 m, un dorso corto, gambe lunghe,  mantello baio, chiaro o scuro, con alcune striature sopra il braccio e il garretto, simbolo di purezza. Questa razza ebbe nel corso del tempo, continue ed alterne sorti, finchè nel 1962, per interessamento personale della regina Elisabetta II, ha ripreso a vivere, tanto che, da quattro stalloni esistenti a quella data nel 1978 lo Stud Book ne registrava 37. Uno degli usi sportivi del Cleveland Bay è quello degli “attacchi”, cioè lo sport delle redini lunghe: li utilizza lo stesso principe di Edimburgo, appassionato di questa disciplina.

Tratto dalla rivista: EQUITAZIONE andare a cavallo, amare il cavallo di Fabbri Editori

Immagine tratta da Agraria.org

Rispondi