News

Allergie alimentari del cavallo

Come le persone, i cavalli possono essere allergici a varie sostanze nell’aria (dette dermatite allergica inalatoria o atopia) o nel cibo. Queste sostanze sono chiamate allergeni. Gli allergeni sono sostanze che, quando inalati o assorbiti tramite cute, tratto respiratorio o tratto gastrointestinale, stimolano la produzione di istamina, che porta all’infiammazione. Le reazioni allergiche possono essere scatenate anche da farmici o vaccini.

Per quanto riguarda le allergie ai cibi, sebbene i casi documentati siano rari, è stato riportato che certi tipi di grano o fieno hanno provocato orticaria in cavalli. In alcuni casi, le allergie alimentari sono state associate ad alimenti con alto contenuto proteico.

Un approccio abituale all’identificazione dell’allergia alimentare è iniziare a provare diete di eliminazione. Il cavallo riceve una dieta che sia priva di tutti gli alimenti prima assunti, compresi gli integratori. Per i cavalli che sono stati al pascolo, la dieta può significare cambiare il pascolo o l’isolamento dal pascolo. Le diete di prova sono normalmente date per 3 mesi. Se i sintomi di allergia migliorano o si risolvono in questo periodo, allora è verosimile un’allergia alimentare. Per confermare l’allergia alimentare, deve essere reintegrato l’alimento nella dieta 1 in un tempo. Se i sintomi ricompaiono in risposta al particolare cibo dato, allora quel cibo è verosimilmente la causa. L’alimento sospetto è di nuovo eliminato dalla dieta. Se i sintomi guariscono (spesso in meno di 14 giorni), l’allergia alimentare è di solito confermata.

Una volta identificati gli allergeni lesivi, il controllo dell’allergia alimentare implica evitare accuratamente quell’alimento. Malattie concomitanti possono complicare l’identificazione delle allergie alimentari. Di rado, un cavallo reagisce a nuovi alimenti allergenici con l’età.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *