News

Prevenzione di malattie

 

Se una persona ama i cavalli non può non pensare alla loro salute, e per fare ciò occorre compiere continue analisi  in particolar modo prima di una passeggiata di un certo impegno, che l’ambiente in cui il cavallo vive sia costantemente pulito, e la temperatura del cavallo deve essere costantemente misurata(deve essere attorno ai 38 gradi )nel caso la temperatura salisse si potrebbe andare incontro a qualche infezione e in questo caso è vivamente consigliato consultare un veterinario. Un altro elemento fondamentale da controllare periodicamente è l’appetito del cavallo, infatti l’alimentazione è assai importante, in caso di mancato appetito è necessario subito trovare le cause, infatti il cavallo potrebbe avere problemi ai denti, al palato e occorre anche controllare che la qualità del cibo sia buona e gradita dal cavallo. Fortunatamente vi sono stati  molti progressi fatti dalla ricerca veterinaria per prevenire e curare malattie vecchie e nuove, il rischio di contagio può aumentare con i frequenti contatti che si possono avere con la partecipazione a riunioni sportive e fiere, quindi per eliminare questo rischio si possono fare delle vaccinazioni, le principali sono:

 

Il tetano: il vaccino non comporta alcun effetto collaterale e serve per evitare che il cavallo si infetti (ad esempio dopo il parto o con ferite accidentali.)

La rabbia : il vaccino si realizza con una prima inoculazione seguita da una seconda a
distanza di 3-4 mesi su tutti i soggetti dell’allevamento a partire dai 3 mesi di età, i soggetti che sono particolarmente a rischio sono quelli condotti ai pascoli alpini durante l’estate, questo vaccino evita che venga leso il sistema nervoso celebrale  e quindi i neuroni.

Tutti questi accorgimenti sono essenziali  e  sicuramente molto impegnativi, ma necessari per assicurare la salute del cavallo ed evitare che contragga malattie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *