News

La Regione Marche Finanzia L’acquisto Di Defibrillatori

safety-helmet-150913_1280-619a9aaeCari Amici,

vi riportiamo qui di seguito una notizia interessante per i vostri centri:

“In un’ottica di sostegno allo sport, la giunta regionale marchigiana ha recentemente varato il programma annuale degli interventi di promozione sportiva per il 2015.

Dei circa 750mila euro stanziati a questo fine (tra cui 50mila euro per la promozione della pratica motoria non agonistica; 150mila euro per la promozione sportiva dei disabili; 150mila euro per la promozione di attività di diffusione dello Sport), 400mila sono destinati all’acquisto di defibrillatori da parte delle società sportive: queste – si legge nella delibera – “sono, prevalentemente, realtà basate sul volontariato che hanno disponibilità finanziarie insufficienti per poter ottemperare in tempi brevi alle nuove disposizioni [i.e.: l’obbligo di dotazione del defibrillatore a partire dal 3 febbraio 2016], per cui tali nuove norme rischiano di paralizzare la maggior parte del sistema sportivo marchigiano.”

Dal 1° settembre prossimo e fino al 24 settembre, proprietari o gestori di impianti sportivi e società sportive dilettantistiche potranno dunque fare richiesta del contributo per la dotazione di defibrillatori semiautomatici esterni (DAE), che dovrà essere acquistato entro il 2015.
I soggetti legittimati a presentare la domanda per l’accesso al contributo sono:
– Enti locali in forma singola o associata in qualità di soggetti proprietari o gestori di impianti sportivi;
– Comitato regionale Marche del CONI, Comitato Regionale Marche del CIP, Federazioni Sportive;
– Istituti Scolastici e Università delle Marche;
– Società e Associazioni Sportive affiliate a Federazioni sportive o Discipline Associate o Enti di promozione sportiva, riconosciute dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) o dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP).

Le società, associazioni e federazioni che svolgono attività sportive con ridotto impegno cardiocircolatorio, quali bocce (escluse bocce in volo), biliardo, golf, pesca sportiva di superficie, caccia sportiva, sport di tiro, giochi da tavolo e sport assimilabili, sono escluse dalla contribuzione.

Le domande possono essere presentate esclusivamente in modalità telematica a partire dalle ore 10 del 1° settembre 2015 (fino alle ore 13 del 24 settembre 2015). Le modalità sono spiegate in una pagina del sito Sport Marche; in particolare è previsto il possesso da parte del richiedente di uno strumento di autenticazione riconosciuto dal framework regionale fed-cohesion. Se ancora non si è autenticati, è sufficiente – dopo aver selezionato la “Regione Marche” come ente presso cui autenticarsi – cliccare sul pulsante “Registrati”. Il “PIN Cohesion” può essere richiesto presso lo sportello “Cittadinanza digitale” di Regione Marche – Palazzo Raffaello – Via G. da Fabriano – Ancona.

I soggetti richiedenti, al momento della presentazione della domanda, devono:
– non avere finalità di lucro,
– essere dotati di codice fiscale o partita iva
– essere riconosciuti dal Coni o dal Cip.

La domanda dovrà essere corredata dal preventivo di spesa e dalle specifiche tecniche e caratteristiche di prestazione del defibrillatore.
Di fondamentale importanza – e non solo ai fini della misura che stiamo ilustrando! – è la dichiarazione relativa al possesso dell’attestato di formazione all’uso del defibrillatore o di impegno all’ottenimento della certificazione con corso di formazione presso un Centro abilitato.
L’importo del contributo regionale erogabile ai soggetti aventi diritto è pari al 60% della spesa sostenuta per l’acquisto del defibrillatore e comunque non superiore a 600 euro per ogni apparecchiatura.
Qualora, alla chiusura del bando, vi fosse ancora disponibilità finanziaria, il limite del 60% potrà essere aumentato per tutte le istanze giunte al servizio Sport regionale, fino ad esaurimento delle risorse.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *