Abituare alla posta

Pubblicato il Pubblicato in News

Uno degli elementi cruciali della gestione dei nostri cavalli sta nella possibilità di legarli in sicurezza. Generalmente, se l’allevatore ha fatto bene il suo lavoro, il cavallo che compriamo starà buono in posta senza tentare di strappare, consentendoci di governarlo, sellarlo e anche medicarlo in tutta sicurezza.

Anche se notirano-28b2dbfcn sarà mai possibile eliminare del tutto le reazioni istintive del cavallo a fronte di un imprevisto, siamo ragionevolmente certi che dopo lo spavento iniziale, vuoi per una scopa che cade o un rumore improvviso, l’equide addestrato si calmi immediatamente.
Questo risultato si ottiene legando il puledro in posta in modo che capisca che da legato… deve stare legato.
Con i nostri puledri allevati, l’operazione dura circa 10 minuti, dopo aver tirato unn po’, il puledro capisce che è inutile e cosi ha imparato una lezione per la vita. Con i cavalli adulti la faccenda è decisamente più complicata, soprattutto se hanno già strappato con successo.

Vi sono diverse teorie riguardo al metodo migliore per insegnare ai puledri a stare legati, tuttavia bisogna fare attenzione ad un aspetto fondamentale: il cavallo impara esattamente ciò che gli insegnamo.

Se impara che qualcosa cede, come succede con certi marchingegni oppure se impara che la corda elastica si tira, ebbene non smetterà di tirare finché non otterrà il risultato a lui noto.

Premesso questo e aggiunta la considerazione generale che coi cavalli, le cose più semplici e immediate funzionano meglio, il sistema migliore perché capisca che dalla posta non ci si può allontanare, consiste nel… legarlo in posta. Si adottano accorgimenti: terreno non duro che non lo ferisca se cade, corda spessa affinché non si causi lesioni, contenimento dei pericoli, ma alla fine il cavallo deve ahimé imparare il concetto che da lì non si scappa.

Questo gli salva la vita, perché un cavallo che strappa la posta può darsi alla fuga incontrollata e uccidersi oppure uccidere delle persone.

 

di Thomas Abbondi

Rispondi