News

Il lavoro a volontà

29072016Il lavoro a volontà offre la più completa e proficua applicazione dei principi dell’equitazione naturale e, per tale motivo, può essere svolto quando l’allievo ha già conseguito una certa solidità di assetto ed una certa padronanza del cavallo.
I cavalieri compiono gli esercizi già appresi cavalcando dapprima ad una sola mano ed alla stessa andatura e successivamente alle due mani e alle varie andature, secondo le prescrizioni date dall’istruttore e tenendo presenti le seguenti avvertenze: ad ogni angolo della cavallerizza si deve eseguire l’azione di redini necessaria per farvi entrare il cavallo; ogni volta che un cavaliere si trova dietro un altro, alla stessa andatura e cadenza e nella stessa direzione, ad una distanza minore di 4 o 5 passi, deve allontanarsene; fermare spesso il cavallo e fare, ogni tanto e secondo necessità, uno o due passi indietro; eseguire frequenti cambiamenti di cadenza sia al trotto che al galoppo; i cavalieri che stanno per incontrarsi devono tenere sempre la destra.
Un esercizio molto utile da far eseguire durante il lavoro a volontà è quello di dividere i cavalieri in due gruppi distinti coi numeri 1 e 2 e quindi ordinare i diversi movimenti prima ad un gruppo e poi all’altro gruppo. Con questa tipologia di esercizio, l’istruttore potrà controllare come vengono osservate le regole per far girare il cavallo, l’uso delle redini, le azioni delle gambe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *