News

Relazione fra Trasporto e ulcere gastriche equine

Ricercatori italiani e australiani hanno studiato il rapporto tra trasporto, pH gastrico e ulcere gastriche.

Il team è rimasto sorpreso da alcuni risultati.

Veterinari e scienziati hanno a lungo sospettato una relazione tra trasporto e ulcera gastrica nei cavalli, ma fino a poco tempo fa esistevano pochi dati a sostegno di questa asserzione. Tuttavia, un team di ricercatori italiani e australiani, ha ora trovato alcune risposte definitive.

“Abbiamo condotto un’indagine dal titolo ‘Problemi e gestione del trasporto dei cavalli’ e abbiamo trovato un nesso tra trasporto e ulcere gastriche”, ha detto Barbara Padalino, DVM, PhD, professore associato di Scienze Animali presso il Dipartimento di Scienze Agrarie e Alimentari dell’Università di Bologna.

I risultati dell’indagine hanno portato la dott.ssa Padalino e i ricercatori Sharanne Raidal, BVSc, MVSt, PhD, GradDipEd, FANZCVSc, e Georgina Davis, BVSc, a condurre uno studio in due parti in cui hanno ipotizzato che il trasporto sarebbe stato associato all’ulcerazione della mucosa squamosa delle cellule squamose (lo strato cellulare che copre la regione anteriore o esofagea dello stomaco equino, che è privo di ghiandole) e gli effetti sarebbero stati più gravi nei cavalli che hanno digiunato prima.

Nella prima parte, il team ha osservato l’effetto del digiuno notturno e del confinamento sul pH gastrico e sui punteggi dell’ulcera gastrica in 12 giumente, utilizzando tubi nasogastrici per aspirare il fluido gastrico ogni due ore. Hanno eseguito esami clinici e prelievo di sangue venoso prima e dopo il parto e hanno anche eseguito la gastroscopia direttamente dopo e 60 ore dopo il parto.

Nella seconda parte, i ricercatori hanno valutato gli effetti del trasporto su 26 cavalli, spediti per 880 km (546 miglia) in due spedizioni di 13 cavalli, eseguendo lo stesso protocollo per la raccolta di sangue venoso e la gastroscopia utilizzato nella prima parte.

Ecco i risultati principali dello studio :

-I livelli medi di pH del fluido gastrico erano significativamente più alti (più basici) durante il trasporto che durante il confinamento;
-I cavalli alimentati con fieno di erba medica (che è ad alto contenuto di calcio ed è associato al tampone dell’acido dello stomaco) da una a sei ore prima del trasporto hanno avuto molto più cibo trattenuto nello stomaco dopo il trasporto;
-i punteggi dell’ulcera squamosa gastrica erano più alti per 15 cavalli dopo il trasporto, con una grave ulcerazione evidente in alcuni cavalli;
-La gravità dell’ulcerazione squamosa sembrava essere inversamente correlata alla quantità di mangime trattenuto nello stomaco durante il trasporto, cioè i cavalli con meno mangime nello stomaco avevano ulcere più gravi

Il contenuto gastrico equino varia tipicamente da 1,5 a 7 sulla scala del pH a 14 punti (in cui 0 è più acido e 14 è più basico), secondo l’Associazione Americana dei Praticanti Equini.

“La nostra ipotesi era che il pH nello stomaco sarebbe diventato più basso del normale (durante il trasporto)”, ha osservato Padalino. “Invece è diventato più alto, raggiungendo quasi 7. Ci ha sorpreso anche il fatto che dopo 12 ore di viaggio con condizioni di digiuno alcuni cavalli non si sono svuotati lo stomaco”.

Sulla base di questi risultati, il team sta attualmente valutando gli effetti del trasporto sulla motilità gastrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *